Incenso, cantieri e suv: benvenuti in Oman la terra del sultano senza figli

Il ragazzo cammina lentamente avvolto nella sua tunica bianco candido. Mi passa davanti mentre parla tranquillo con il suo iPhone 5. Il profumo che lascia dietro di sé è inebriante e non sparisce nemmeno quando, continuando a parlare, si mette al volante del suo suv parcheggiato di fronte al suq della città vecchia a due passi dal mare. Ce ne sono tante di macchine come la sua lungo la passeggiata del porto di Muscat, la capitale dell’Oman.

Il porto di fronte alla città vecchia nel distretto di Mutrah a Muscat, Oman (Afp)

Il porto di fronte alla città vecchia nel distretto di Mutrah a Muscat, Oman (Afp)

In questa strana e profumata città, “spalmata” su 50 chilometri, è quasi impossibile spostarsi a piedi. Nell’intreccio di strade e sopraelevate, tutti costruite negli ultimi 20 anni, è raro vedere una utilitaria. Qui ci si sposta con i suv, macchinoni coreani o cinesi che gli omaniti comprano nelle decine e decine di concessionarie che costellano una città in pieno boom economico.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Nasi rossi nel campo profughi

Immagine 1 di 4

Nel campo profughi di Sabra e Shatila, Beirut

Un pagliaccio con il naso rosso e i capelli spettinati corre con una chitarra in mano per le stradine sporche alla periferia di Beirut. Dietro di lui una folla di bambini e altri tre clown. Tra le mani agitano un tamburello e un ombrello colorato anche se da queste parti è raro che il sole stia nascosto dietro le nuvole. I pagliacci sono Kevin, Geraldine, Francoise e Virginie, i volontari dell’associazione Clowns and Magicians Without Borders, gruppo nato 10 anni fa in Belgio con uno scopo: far tornare a sorridere i bambini che, a causa della guerra, hanno ormai dimenticato come si fa. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Neve, Champions e guerra

Neve. Non quella che fa sospendere le partite di Champions, ma quella che ti gela il sangue e ti uccide. Neve che copre le tende dei campi profughi al confine tra Siria e Turchia. Neve che cade silenziosa e si posa sui corpi dei bambini che non hanno da mangiare perché il confine turco, da cui arrivano i rifornimenti, è chiuso da giorni. Neve che cade sulle macchine. Che, anche se il confine è bloccato, passano il valico per vendere a prezzi triplicati il pane e le coperte che ad Aleppo non ci sono più. Neve, calpestata dai piedi gonfi come palle dai piccoli profughi siriani che si riscaldano in compagnia dei pidocchi vicino alle rare stufe a carbone. Neve, bella perchè bianca e silenziosa. Che diventa fango sotto i piedi di bambini circondati da freddo e guerra.

000_nic6173990

Immagine 1 di 4

Due bambini siriani aiutano i genitori nella ricerca di legna da bruciare nel campo profughi di Bab al Salam, al confine tra Siria e Turchia (Afp)

twitter@elia_milani

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Tabelline sotto le bombe: a lezione nelle scuole “italiane” di Aleppo

“Sette per uno sette, sette per due quattordici, sette per tre ventuno…”. Gessetto in mano, il maestro scrive in colonna i numeri alla lavagna. I bambini lo ascoltano in silenzio seduti tra i banchi rosa e neri. La lezione di matematica è iniziata da 10 minuti. All’improvviso lo scoppio di una bomba poco lontano. La lezione prosegue. Dopo pochi secondi un’altra esplosione. Gli alunni, tutti tra i 5 e i 12 anni, quasi non ci fanno caso. Nel nord della Siria i bambini sono abituati al sibilo e al frastuono delle bombe lanciate dagli aerei e nulla li distoglie dalla lezione. E’ iniziato così il primo giorno di scuola per 456 bambini di Huraytan, città a 11 chilometri da Aleppo.

Un insegnante con gli alunni in una scuola di Aleppo (Ansa)

Un insegnante con gli alunni in una scuola di Aleppo (Ansa)

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Grassi e con il diabete: il lato oscuro dei ricchi paesi del Golfo

“Nella mia famiglia abbiamo un detto: se non hai il diabete non sei un vero abitante del Kuwait”. Dhari al Fadli ha 49 anni, 5 figli e 123 chili di peso. Fa parte della metà oversize del piccolo stato mediorientale, tre milioni di abitanti, un milione e mezzo sovrappeso. Obesità e diabete. Una tendenza che sta diventando costante in quasi tutti i paesi del Golfo: dal Qatar, all’Arabia Saudita passando per gli Emirati Arabi sempre più persone sono colpite dalla “malattia del benessere”, il vero lato oscuro del boom economico.

Dimagrire per volere del re – Secondo uno studio delle Nazioni Unite in Kuwait vive la più alta percentuale di adulti obesi di tutto il Medio Oriente (42,8%). Al secondo posto l’Arabia Saudita con il 35,2%. E proprio nello stato culla dell’Islam i chili di troppo stanno diventando un problema tanto da attirare l’attenzione del vecchio re Abdallah. E’ stato il sovrano in persona a intervenire per salvare il suo suddito più sovrappeso, Khalid bin Mohsen Shaari, 19 anni e 610 chili, considerato uno degli uomini più grassi del mondo. Il ragazzo, incapace di muoversi con le proprie gambe, è stato portato per ordine di sua Maestà al King Fahd Medical City di Riyad, dove sono stati istallati un letto e dei carrelli speciali per muovere il paziente tra i reparti in cui dovrà curarsi nei prossimi mesi. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La farmacia italiana ad Aleppo a 100 metri dalla linea di fuoco

Ad Aleppo basta sbagliare strada per finire sulla linea dei combattimenti e rischiare la vita. E nel labirinto di vicoli che formano la città vecchia è praticamente impossibile non perdersi. Zena però la strada la conosce bene e sa come portare a destinazione il prezioso carico che ha tra le mani. Non si tratta di computer, cellulari o gps ma di latte in polvere, antibiotici, antidolorifici, sciroppi, antinfiammatori e cortisone spediti da Modena e arrivati in città grazie a Time4Life, l’associazione italiana che organizza viaggi in Siria per portare aiuti e medicinali. E’ solo grazie a loro se in mezzo alle macerie della città vecchia patrimonio dell’Unesco è stata aperta l’unica farmacia italiana, a cento metri dalla red zone dove esercito di Assad e ribelli si affrontano senza sosta. Per evitare di finire sotto il fuoco incrociato ci vogliono giovani come Zena che conoscono i vicoli a memoria e sono in grado di rifornire la farmacia trasportando i pesanti scatoloni pieni di medicine italiane. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Alì, il pediatra dei profughi siriani: “Io non scappo, i bambini hanno bisogno di me”

“Molti medici siriani sono scappati e ora lavorano all’estero”. Il dottor Alì resta un attimo in silenzio. Sullo sfondo le grida dei bambini rendono difficile la conversazione via telefono già disturbata. “Io non ho mai pensato di lasciare la Siria perché qui la gente ha bisogno di me. Non ho paura delle bombe e voglio restare ad aiutare i siriani di ogni religione ed etnia”. Alì Abu al Jud Naser, o semplicemente “dottor Alì”,  come lo chiamano i volontari, ha 38 anni ed è il pediatra del campo profughi di Bab al Salam al confine tra Siria e Turchia.

Le tende di questo campo ospitano 16 mila persone, tra cui 8mila bambini (il più piccolo ha compiuto da poco un mese). “Al campo arrivano ogni giorno quasi 100 bambini insieme alle loro famiglie”, racconta il giovane medico. “Facciamo fatica ad aiutarli perché le condizioni sono pessime: l’acqua non è potabile, le medicine scarseggiano e il numero dei piccoli continua ad aumentare. Ce ne sono di ogni età, da un mese a 10 anni”, ripete più volte Alì come a intendere che in Siria, a 11 anni, non è più possibile essere bambini.

Il dottor Alì nell’ambulatorio del campo profughi di Bab al Salam

Una delle pazienti più piccole di Alì è Rama: ha 8 mesi e un cuore malato. “Ha bisogno di un intervento chirurgico ma la sua famiglia è molto povera”, racconta il pediatra. “In Siria non ci sono ospedali in grado di curarla e la piccola deve essere trasferita al più presto in Turchia come abbiamo fatto con Fatima un’altra bimba che ora sta bene”. Rama e Fatima sono solo due gocce in quell’ondata di profughi-bambini (un milione in tutto) che ha detto addio ai giochi e all’età della speranza per scappare da una guerra civile che, secondo l’Onu, ha causato la morte di 100mila persone. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

O i baffi o la vita: la battaglia di Malik contro gli estremisti islamici

Ai suoi baffoni non ha mai pensato di rinunciare. Ci ha messo così tanto a farli crescere e non ha nessuna intenzione di tagliarli, nonostante le numerose minacce di morte. Malik Amir Mohammad Khan Afridi ha 48 anni e da 20 anni impomata, accarezza e profuma i suoi baffi di 76 centimetri che si inarcano fino all’altezza della fronte. Tra gli abitanti del suo villaggio di Banna, 250 chilometri a nord di Islamabad, tutti lo considerano una star. Non gli uomini di Lashkar-i-Islam, gruppo di estremisti islamici che lotta per imporre la shari’a. E che non tollera quei baffi che si innalzano troppo verso il cielo.

 

Malik Amir Mohammad Khan Afridi, il commerciante pakistano sequestrato dagli integralisti musulmani a causa dei suoi baffi (Afp)

Negli ultimi quattro anni il baffuto pakistano è stato più volte minacciato di morte. Nel 2009 i terroristi lo hanno sequestrato per un mese e lo hanno rilasciato solo dopo la sua promessa di radersi. Malik però non ha accorciato di un centimetro i suoi baffoni neri e si è trasferito nella vicina Peshawar lasciando nel suo villaggio la moglie e i 10 figli. Ha preferito una vita da esiliato lontano dai suoi cari piuttosto che rinunciare al suo rituale mattutino preferito: una toeletta di mezz’ora per trattare i baffi con olio di mandorle e con una speciale cera di composizione ignota che gli costa 150 dollari al mese, il triplo dello stipendio medio di un insegnante pakistano. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Un americano (jihadista) in Siria

Tra i passaporti ammucchiati nella base di Al Qaeda è spuntato il suo. Amir Farouk Ibrahim, 32 anni, americano. Insieme ai ribelli che combattono in Siria contro Assad c’è anche questo ragazzo della Pennsylvania con passaporto a stelle e strisce attivo, molto probabilmente, con i soldati dello “Stato Islamico di Iraq e del Levante”, gruppo estremista vicino ad Al Qaeda. Il documento è stato trovato a Ras al Ayn (città al confine con la Turchia) in una ex base controllata dal partito islamista. Era insieme ad altri 15 passaporti di stranieri entrati nella “pentola a pressione siriana”: sauditi, iracheni, turchi e tunisini, tutti parte di quella schiera che ha abbandonato il proprio Paese per venire a combattere la guerra santa in Siria.

Amir Faruk Ibrahim, l’americano che combatte a fianco dei ribelli siriani

Se l’identità di Amir Farouk Ibrahim venisse confermata si tratterebbe del terzo americano volato in Medio Oriente per combattere il jihad. Prima di lui Eric Harroun, ex marine che ha confessato di avere agito al fianco di Jabhat al Nusra, i ribelli integralisti che avrebbero tentato di utilizzarlo come portavoce. Ora, dopo essere stato arrestato dall’Fbi, rischia la sedia elettrica. La terza della lista è Nicole Lynn Mansfield, una donna di 33 anni del Michigan, convertitasi all’Islam e trovata morta nel nord ovest della Siria. Tre jihadisti born in the Usa che fanno notizia anche perchè è dagli Stati Uniti che è partita la guerra al terrore senza frontiere costata miliardi di dollari.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Con Abu Paolo nella “sua” Mar Musa

Seduto sui tappeti della chiesa con gli occhi chiusi, concentrato sulle parole della liturgia recitata in italiano, inglese e arabo. Nel buio che avvolgeva la piccola cappella di Mar Musa, il monastero arroccato su una montagna del deserto siriano, le candele accese evidenziavano i tratti del volto di padre Paolo Dall’Oglio. E’ l’immagine del gesuita che mi è rimasta impressa nella mente. Anche se l’ho incontrato altre volte, durante conferenze a sostegno del popolo siriano, la sua forza di spirito percepita in quell’agosto del 2008 è ancora scolpita nella mia memoria.

Padre Paolo Dall'Oglio

Padre Paolo Dall’Oglio

Paolo Dall’Oglio, o Abu Paolo come lo chiamano gli arabi, è un omone imponente di 58 anni, occhiali spessi, barba da saggio e un fare gentile ma deciso. Quando lo osservavo accogliere i turisti nella “sua” Mar Musa era chiaro chi avevo davanti: un uomo tenace, un gesuita che ha messo in campo la propria vita per passione, per seguire un’ideale. Nel 1982 rifondò il monastero per ospitare sia i cattolici sia gli ortodossi, evento che ha portato alla nascita del santuario di Mar Musa, una comunità spirituale ecumenica mista che promuove il dialogo tra cristianesimo e islam.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page