Isis, quei campi d’addestramento con armi, equipaggiamento e mujahidin americani

campi addestramento Isis

Cento ragazzi che strisciano nella sabbia tra le pallottole. Cento ragazzi che diventano combattenti. Cento ragazzi pronti a morire per il loro Califfo. Sono gli shabab, le nuove reclute dello Stato Islamico che in fila, vestiti di bianco, frequentano uno dei tanti campi di addestramento nel cuore del Califfato. E’ dima’ al jihad, “sangue del jihad”, l’ultimo video diffuso dallo Stato Islamico che racconta la formazione dei giovani combattenti dell’Isis.

Il campo si trova nel governatorato di Ninawa, nel nord ovest dell’Iraq, al confine con la Siria, pieno Stato Islamico.

Nel filmato si vedono non solo facce giovani ma anche volti più esperti. Come quella dell’addestratore con il cappellino che spiega le prove che dovranno affrontare i giovani jihadisti (test di resistenza, calci nello stomaco, recupero feriti e combattimento corpo a corpo). O come quella di un religioso barbuto che, in perfetto arabo classico, incita i giovani alla lotta (qital) e al martirio (istishad). Su di loro, sempre presente, sventola la bandiera nera. Sullo sfondo anche tende con impresso il simbolo US (United States) frutto forse di un bottino di guerra.

campo addestramento Isis 2

Miliziani dell’Isis nel campo di addestramento nella regione di Ninawa (Twitter)

La scena cambia. Pareti rosa e bandiere nere. Seduti in otto file parallele, ragazzi con il volto coperto imbracciano Rpg e imparano a montare e smontare più in fretta che possono il loro kalashnikov.

Almeno cinque campi come questo sono stati bombardati dai jet americani a Raqqa, Abu Kamal, Deir az-Zur, Hasakah, Manjib. Ma niente sembra fermare gli uomini di Al Baghdadi che possono contare anche sull’aiuto di 10mila soldati stranieri, molti di loro americani. Domenica 12 ottobre, durante la battaglia a Kobane (al confine tra Siria e Turchia) i social media hanno riportato la notizia della morte di Abu Muhammed al Amriki, cioè l’americano. Una vittima born in Usa, addestrata in un campo dello Stato Islamico.

twitter@elia_milani

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Isis, quei campi d’addestramento con armi, equipaggiamento e mujahidin americani

  1. Buonasera.
    Caro Elia Milani.
    Fino a quando le forze della coalizione non si decideranno a inviare forze di terra, non si risolverà nulla. I bombardamenti aerei, in una zona dove i nascondigli sono evidentemente non raggiungibili dalle bombe, ci vuole l’intervento da terra. E’ inutile usare l’ipocrisia e far finta di niente. Questo è l’inizio della terza guerra mondiale e se la prendiamo alla leggera, ci troveremo inesorabilmente invasi da terroristi sempre più agguerriti. Sono sorpreso che non abbiano ancora colpito gli Stati Uniti e le città Europee. Mi auguro che, i nostri politici, non abbassino la guardia. Per le persone che hanno deciso di unirsi all’Isis, uso solo due parole. Infami e traditori. Questa guerra, porterà una miriade di morti e alla fine, non ci saranno ne vinti, ne vincitori. Come al solito, sarà uno scontro, non per il predominio religioso ma, solo ed esclusivamente per quello economico. Le persone che rispettano le leggi della Bibbia e del Corano, si contano sulle dita di una mano e come spesso succede, la religione è solo una scusa per giustificare così tanta violenza.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *